domenica 19 aprile 2009

I rivoluzionari con l'iPod e la chiusura di questo blog


No, il titolo non è uno scherzo: chiudo il blog. Non so se sarà definitivo, ma per ora lo chiudo. Lo faccio soprattutto perché non ho più tempo, ma lo faccio anche perché non credo più nel mezzo. Anzi, comincio a pensare che l'attività di informazione in rete sia addirittura controproducente. Ci sfoghiamo nei blog, nei forum, in Facebook e pensiamo così di aver compiuto grandi gesti civici e di aver fatto la nostra parte, quando invece alla fine dei giochi non concludiamo mai una mazza. Noi pettiniamo le bambole, loro intanto continuano allegramente a mettercelo in quel posto. Ma questa è anche una critica verso tanti beniamini della rete. Insomma, di occasioni ce ne sono state per cambiare le cose, ma invece niente. Ma perchè non si è creato un partito con dentro le migliori menti di questo paese? Un partito con tutti, ma dico tutti dentro: Grillo, Travaglio, Luttazzi ed i migliori intellettuali di questo paese? Perchè si sono tutti tirati indietro? Dicono: "ma io non sono un politico, sono un giornalista, sono un comico, sono un professore, sono uno scrittore" eccetera. No signori, non basta. Quando si è in guerra si lascia la propria professione e si entra in battaglia, sporcandosi le mani. Quando la democrazia è in pericolo, ed in questo paese la democrazia è in estremo pericolo, non ci si può tirare indietro.
E allora se le cose stanno così sapete che vi dico? Arrivederci e grazie. No, la rivoluzione non si fa con le email. Non si fa con Youtube e non si fa con i blog. Se i nostri nonni e genitori volevano cambiare il mondo, noi al massimo vogliamo cambiare il modello di iPod. E così non si va tanto avanti. Ci meritiamo questo schifo, tutti. Me compreso.

Grazie a tutti, di cuore.


P.S. Il blog rimarrà visibile ma non sarà più aggiornato.
P.S.S. Mi potete trovare comunque su Twitter.

63 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Diadorim Riobaldo stavolta non sono d'accordo. E' vero che sembra non essere cambiato nulla negli ultimi anni. E' vero che combattendo esclusivamente tramite blog e mail per ora cambiamenti macroscopici non se ne vedono. Però devi ammettere che prima di poter ottenere dei risultati devi cambiare la mentalità della gente, convincere molte persone. Guarda cosa è riuscito a fare il berlusca con la sua propaganda! Cambiare la mentalità della gente non è uguale a non fare nulla. I blogger sono utili. Tu e questo blog siete utili. Non mollare!

sp ha detto...

non sono d'accordo e argomento:

anzitutto chi critica il sistema politico non deve necessariamente diventare parte del sistema per essere legittimato a farlo. la critica dovrebbe arrivare dall'informazione tradizionale (giornali e televisione) ma si assiste al servilismo quasi totale anche subdolo, vedi silvan a domenica in per esempio che fa una battuta, lui che non mi pare certo schierato, su berlusconi e viene ripreso dalla presentatrice!! altro che fantozzi. ben quindi venga qualsiasi forma di critica alternativa. grillo, un blog qualsiasi, un forum o un video su youtube hanno il vantaggio di essere potenzialmente fruibile da chiunque senza troppi filtri (fintant che la rete resta libera), il problema semmai è che la rete è ancora usata da pochi e i pochi che lo fanno si limitano a facebook, msn o alla minchiata del momento. LEGGERE e INFORMARSI: è questo che il cittadino responsabile dovrebbe fare, invece di credere alle fesserie edulcorate dei tg o accanirsi a seguire notizie di cronaca come garlasco, cogne o peggio ancora le fattorie e i grandi fratelli di turno.

infine, caro diadorim, ti sei dimenticato di mastella un po' troppo. la "why not" sembra un ricordo; la candidatura a sindaco di napoli potrebbe un domani presentarsi; a napoli già campeggiano i manifesti del partito che suona come un rutto e tu che fai? chiudi? suvvia, rimboccati le mani e continua a parlare di costui. ti leggerò con piacere.

sp ha detto...

errata corrige: rimboccati le maniche.. ;)

Anonimo ha detto...

Innanzi tutto è vero, l'italiano medio ha quello che si merita, quindi dalla de filippi alla vanna marchi... tutti santi subito... si raccoglie quello che si semina!
E oramai l'italiano e, come si dice in certi posti, una lingera fatta e finita!
In internet sembriamo uno stuolo di rivoluzionari ma siamo 4 gatti, la stragrande maggioranza dei votanti se sa anche usare un pc chiama il tecnico per aggiornare l'antivirus e quindi si beve tutto cosa gli dicono.
Siamo nel nuovo medioevo, dove il nuovo analfabetismo è la pigrizia mentale e le streghe sono Grillo e co.
Cervelli tappati dalle tette e dai culi in tv, dalle litigate e dagli outing la domenica pomeriggio.
Ma non sono daccordo su:
L'entrata in politica dei nomi che fai, forse un Travaglio ci starebbe anche, per quanto ne dubiti ma un Grillo no!
Lui è il nostro ariete e non il nostro rappresentante.
Lui è il nostro urlo quando ci manca la voce ma non il cervello per ragionare al posto nostro.
Lui e chi per lui sono la spina nel dito che da fastidio, che ti tiene in allarme che non ti fa dormire.
E a noi tocca risolvere il problema.
Se Grillo facesse politica sarebbe il suo più grande voltafaccia dopo che spinge da anni le liste civiche e la democrazia dal basso.
Grillo e co. sono la nostra arma... a noi usarla bene!
E ricorda che seppur pochi in rete, internet è LA risorsa e orgogliosamente posso dire che il nano maledetto e gli incartapecoriti come lui, mummie malefiche, stanno tentando sottilmente di metterla sotto il loro sudicio tacco della scarpa.
Ovviamente non ci riusciranno, sarebbe come voler fermare l'acqua!
Ma i mezzi che usano sono tanti e tu sei caduto sotto i loro colpi come tanta gente che si sta rompendo e preferirebbe lasciarsi andare all'oblio del non sapere come nel film MATRIX.
Guarda che il cambiamento è di tutti e tutti siamo obbligati a darne il contributo!
I grandi come te che hanno capacità tirano su i forum, gli altri volenterosi lo arricchiscono e ne traggono giovamento ed ispirazione.
E poi ci sono le votazioni, l'unica vera arma per cambiare il paese (per adesso....) e che la frustrazione dei tanti guerrieri depressi porta alla diserzione di esse... ed allora hanno vinto le mummie nane.

Qualunque cosa tu decida di fare, però, grazie del contributo che ci hai dato.

B.

Anonimo ha detto...

Scontato dire che mi dispiace per la chiusura del blog, è anche vero che ti capisco, anch'io mi sento impotente davanti alla vicina di casa che guarda Fede e la De Filippi e vota Berlusconi. In fondo è vero che gli italiani navigano in rete(pochi), ma la testa gliela forma la TV.
Per la scesa in campo dei vari Grillo, Travaglio e compagnia bella prima ero d'accordo con te, ora non più, nel senso che loro sono uomini di spettacolo più che politici e alla fine dei conti non so quanto gli possa interessare realmente e in che modo se la caverebbero. Non li vedrei come candidati alle prossime elezioni, insomma...
con questo saluto te e tutti, in particolare Postman, Benny e Third

Luca da PG

PS: se dovessi riaprirlo, anche fosse tra un secolo, avvisami!

Pennywise ha detto...

mi spiace molto che smetti di aggiornare il blog, condivido gran parte se non tutto quello che hai detto. in bocca al lupo ;)

fabrax ha detto...

chiudete il blog? Noo. Ripensateci. Belli i commenti fin'ora

Walter ha detto...

Mi spiace tu abbia deciso di chiudere...che cosa leggerò adesso al lavoro?!
Scherzi a parte vorrei dirti che sono molto più che d'accordo con te, blog, forum etc etc assomigliano sempre più a muri del pianto. Tutti che si lamentano di quanto tutto sia sbagliato, sia ingiusto, della vergogna che si prova per l'avere (quasi) toccato il fondo.
E poi si esce di casa, si va a fare l'aperitivo con la macchina nuova, l'Ipod ultima generazione e in culo a chi sta male.

L'apoteosi dell'ipocrisia.

Non credo che i "santoni" come ormai vengono visti Grillo, Travaglio etc. possano o debbano entrare in politica per due semplici ragioni:
1) non puoi abbattere il sistema dall'interno;
2) entrare in politica significherebbe perdere ogni credibilità. E questo proprio perchè la stragrande maggioranza degli italiani CREDE a quello che gli viene propinato e la maggior parte degli italiani ha nella propria testa l'uguaglianza POLITICA=LADROCINIO.

E ancora sono d'accordo con te: non si fa la rivoluzione con le mail e soprattutto non si fa la rivoluzione con la pancia piena...In parole povere abbiamo tutti troppo da perdere e troppa paura per potere tentare di fare qualcosa di concreto. E non capiamo che non fare niente è esattamente il modo migliore per perdere tutto. Mi piace citare un detto di non ricordo chi:

"perchè il male trionfi basta che i buoni non facciano nulla".

Ed è ciò che stiamo vivendo oggi...

Ti auguro ogni fortuna e grazie per il tuo contributo. Io continuerò a bazzicare di qui di tanto in tanto giusto per vedere se hai cambiato idea.

Bennyraft ha detto...

Ciao Diadorim..
Ti capisco e rispetto la tua scelta..
Un abbraccio.. Bennyraft

luke ha detto...

caro diadorim,

ti capisco e condivido. merito del blog, però, è quello di aver risvegliato le coscienze. ma, come dici tu, la disinformazione non è più un alibi, e giustamente è tempo di fare un passo successivo più coraggioso. in bocca al lupo per tutto, e grazie, io comunque la mastel-card la tengo :)

Un italiano ha detto...

Chiudere il blog?
CHIUDERE?

MA SEI MATTO???

Cioè, proprio adesso che devi intensificare la frequenza dei post??

Cioè, io aspetto ancora con ansia un nuovo pezzo della rubrica "Come Spiegarlo" (quello sul Conflitto di Interessi è da storia dell'e-giornalismo) e tu che fai....CHIUDI????

Cioè, io ogni giorno passo di qui affamato di spunti di riflessione, di satira tagliente, di cervelli svegli e pensanti e tu.....CHIUDI???

Deluso al 100%...

firmato uno che leggeva questo blog ma che non aveva mai lasciato 1 commento prima d'ora...


P.S.: e pensa che non sono neanche anti-berlusconista per partito preso nè disgustato dalla mia Italia (sarò sempre fiero di essere nativo del Belpaese, o credete che all'estero i politici siano spassionati filantropi?)...considera che siamo tra i primi paesi del mondo e le cifre dicono che se il nord fosse nazione a sè sarebbe la prima in svariatissimi settori insieme ad Islanda e Lussemburgo....ah, io sono del profondo Sud, sai, giusto per.

Tutto questo per dire che io, tra 1000 blog, leggevo questo per la scintilla di fuoco vivo che emergeva periodicamente dalle sue parole e dalle sue immagini, una scintilla che ti arricchiva di armi retoriche nel dialogo con parenti e amici...

...e tu CHIUDI?

Daniele Morisco ha detto...

Ciao

mi dispiace tu abbia deciso di chiudere.
un informazione diversa e' sempre utile e non penso affatto che i blog siano inutili.
per cambiare mentalita' ci vuole tempo e duro lavoro ma ognuno di noi puo' fare una piccola differenza che si sommera' in avanti. Magari ora non si vede perche' sommersa da poteri assai piu'grandi, ma le cose non possono continuare cosi'.
non e' solo la politica che puo' cambiare qusto paese ma ognuno di noi deve cambiare nella vita di tutti i giorni e rendersi responsabile della comunita' e non solo di noi stessi, con i mezzi che piu' ritiene utili.

le rivoluzioni (anche quelle pacifiche, come spero questa sara') partono sempre dal basso e mai dalla cima.

ti ringrazio molto del servizio che ci hai dato finora e delle idee che tu hai condiviso con noi

Massimo ha detto...

Acc non ci voleva Diadorim!
Rispetto la tua scelta, ma sappi che con i tuoi post mi hai aiutato a "ragionare". Si insomma, ho aperto gli occhi e chiuso l'altro pertugio.
Non sempre ero daccordo con quanto scrivevi, ma per questo mi è sempre di più piaciuto leggerti ...
Però vorrei chiederti un piccolo sforzo: tra un paio di mesetti mastellator va in europa: proprio adesso devi mollare?
Mi piacerebbe poter contribuire in qualche modo perchè capisco che il tempo è poco e sei rimasto da solo. Segnalarti un paio di spunti, poter "aprire" il blog e indicare solo il tema della settimana, tralasciando foto e mettendo solo link a quanto di più riterrai necessario segnalarci.
Insomma hai spostato (giustamente o meno) l'attenzione su altri "elementi": cloni di mastella, mi ricordo ancora Capezzone.
Non lasciarci in un momento così cruciale: Mastellator ha pronunciato il fatidico "I'll be back", la data del giudizio universale (per noi) sono le europee, dove il ceppalonico porterà tutto il suo feudo e ci ridicolizzerà difronte all'europa. Non mollare adesso che c'è più bisogno di te!

Un abbraccio virtuale ed un ringraziamento.
Massimo

Third Eye ha detto...

Ehi, massimo è fan di Cameron come me :O!

Cazzate a parte, dolente per il ritardo, qualche considerazione sparsa, premesso che quel che fai con questo posto son squisiti cazzi tuoi (e che, cmq, se riapri, ben accette mail di notifica come diceva luca da PG):

1) mi sa partiamo da premesse MOLTO diverse: io dalla rete mi aspettavo molto meno, conosciuto diversa gente più o meno valida, ho intavolato anche diverse azioni "concrete" (raccolte firme, eventi culturali, campagne di sensibilizzazione su tematiche locali e nazionali, un progetto editoriale, etc), per piccole che possano essere che spero abbiano aiutato ed aiuteranno qualcuno;

2) Di Grillo&C. han già detto e cmq ripeterei quanto già detto io; mi sposto allora sui migliori intellettuali: non è vero che non facciano (quelli che restano e voglion fare, beninteso), ma fanno spesso nell'ombra perché poi a nessuno fotte di loro: per un TG Leonardo di pochi minuti quante ore di Cucuzza-De Filippi-etc ci sono? E a chi dare la colpa?

3) a parte la retorica veterocomunista per la quale ho ben poca simpatia, non concordo nemmeno sul discorso che la Rivoluzione non si faccia con forum, blog, etc: quale rivoluzione vuoi? Io voglio una rivoluzione delle coscienze e ti garantisco che sicuramente ho toccato diverse persone con diversi argomenti (così come loro con me, eh...); non secondariamente, ancora più persone oggi non penseranno "ah, allora non ero solo io a vederla così"... E scusa se è poco;

4) i nostri nonni e genitori? Mah, i miei avevano al massimo voglia di seguire il greggione, le rivoluzioncine preconfezionate tipo '68 son solo fumo negli occhi e perdite di tempo (così come il grillismo "puro" di oggi, sia detto per inciso); penso di far più io oggi con cose mie che loro con le loro mode di allora che han portato a cosa, poi? Culi&tette più esibili, vantaggi per la loro generazione e...? Mah, andiamo oltre;

5) a differenza di Luca, che tanto ormai becco regolarmente altrove, mi astengo anche dai saluti di rito, visto che chi vuole (e spero diversi altri, te incluso), li posso già sentire in altre lande, tipo il link che accompagna da un pezzo il mio nick (leva pure editando se pare spam/trollata, eh). Un blog è una piazza, ma la piazza la fanno le persone... E finchè continueremo a sentirci in tanti, non vedo problemi di sorta... Se riparti, magari meglio non da solo, so che è duretta...

Uh, dovevo dire altro, ma non mi dilungo che già ho peccato seriamente di ritardo, ma di questi tempi non ho davvero fiato T_T...

A presto, ovunque e comunque tu voglia°°°/!

Mr Postman ha detto...

l'incapacità di fare la cosa giusta
è qualcosa di drammatico
tutti siamo vittime e colpevoli
cercasi eroe disperatamente

Diadorim Riobaldo ha detto...

Grazie ragazzi, mi avete aiutato davvero a riflettere. Resto ancora convinto del fatto che abbiamo molto meno potere di quanto vogliamo illuderci, in ogni caso accetto il suggerimento di qualcuno di voi riguardo al continuare in un forma ridotta. Per questo da adesso diciamo che il blog continua in forma light su Twitter. La mia pagina è questa: http://twitter.com/diadorimriobald

Trovate un box anche sulla parte sinistra alta del blog. Vediamo che ne viene fuori. E nuovi suggerimenti sono sempre accetti.

Mauro ha detto...

Ciao,
hai ragione, è un po' di tempo che anch'io la penso così e infatti il mio blog o aggiorno ormai sempre più di rado.
Siamo stanchi di parole al vento e allora meglio tacere ... tutti.
Tanto re silvio I regna sempre più incontrastato e l'unico modo di togliercelo dalle palle sarebbe il ricorso alle armi ma non lo faremo mai, anche perchè sarebbe guerra civile, considerata la schiera di servi stupidi di cui egli è circondato.
Morirà da Re e sarà osannato per i secoli a venire e noi, piccoli poveri stronzi, non avremo mai neanche la speranza di avere un lavoro stabile da 100 euro al mese.
Siamo una GENERAZIONE ANNULLATA.
Un abbraccio a tutti con sincera fraternità (e non sono un prete).

Anonimo ha detto...

Condivido tutto ciò che dici, e spesso anch’io sono preso dallo sconforto nel vedere l'immobilismo imperante nonostante la mole di informazioni alla quale grazie alla rete possiamo attingere.
Qualcuno qui ha detto una cosa giusta: i cambiamenti necessitano di tempo e la rete è giovane e ancora poco frequentata rispetto alla totalità dei cittadini.
Io al posto tuo insisterei nel portare avanti un progetto positivo come il tuo blog nell'attesa di vedere i frutti di tanto operare.
Ad esempio le liste civiche di Grillo sono un esempio che la rete può concorrere nel cambiare le cose.
Nonostante lo sconforto, ripeto, io ci spero.
Ed un'altra cosa mi trattiene dal gettare la spugna: SENZA LA RETE, RESTEREBBERO SOLO LE TV E I GIORNALI; il che non mi provoca sconforto, MI GETTA NEL PANICO.

Ciao e complimenti.
Paolo.

Anonimo ha detto...

La gente oggi è china su se stessa a conservare con ignavia e ignominia il proprio benessere di scimmie pseudo-evolute, ha demandato ai predatori politici le proprie responsabilità civili di partecipazione attiva alla RES PUBLICA. Condivido quello che hai scritto, ma ugualmente mi spiace la tua decisione di abbandonare il blog. Mi hai sempre molto divertito e mi sentirò più solo senza il mastelloide ceppalonico, senza nessuno che scriva due righe su quel grandissimo pezzo di ... mastellapastella.

Anonimo ha detto...

Noooooooo! :'(

Grazie di aver condiviso con noi il tuo pensiero, Diadorim Riobaldo, e buona fortuna nella vita reale.

Mr Postman ha detto...

blog chiuso commenti aperti:
ogni volta che esco di casa guardo vedo tocco constato mi informo e osservo i miei simili mi sembra che davvero stia andando tutto a troie, essendo io fondamentalmente nichilista e comunque shivaita un po'ci godo (il mondo capitalista non mi esalta, se dovesse implodere non mi dispererei)
però qualcosa oggi mi ha fatto godere di più, sono state le parole della veronica a proposito delle veline candidate nel pdl: ciarpakme senza pudore.
stupendo.
che la santa donna non sia in grado di risvegliare un intero paese dalla lobotomia e dall'ipnosi collettiva?=??
che non sia lei a riuscire dove tutti hanno fallito?????
che non venga fuori che il peggior e fatal nemico del nuovo imperatore non erano i comunisti e nemmeno i magistrati ma la moglie?????
che non ci faccia il regalo più grande e ce lo elimina col cianuro???????
al solo pensiero mi risveglio come una rondine a primavera e mi viene da cantare come un usignolo
ci vorrebbe un coupe de teatre per fa risorgere questa democraia morta e puzzolente!

Anonimo ha detto...

L'ipotesi più accreditata è quella del cianuro... con tutte le amanti che sta a mette dentro il Berlusca anche la Veronica inizia a incazzarsi!
Anche perchè contemporaneamente viene fuori una ragazzina che lo chiama perfino "papi"!!!
AHAHAHAHAH

Luca da PG

Serva75 ha detto...

Hai ragione, ma anche no.
Hai ragione su Grillo, Luttazzi, Travaglio, Santoro ecc.. .ec...

Hai torto sull'inutilità, sai perchè?
Perchè se non ci fosse stata internet, con youtube e le sue mail o i suoi blog, come il tuo, probabilmento oggi io sareun uno dei tanti psico-plagiati dalla tv, così come lo sono mio padre e mia padre, pensionati, elettori, che a metà pomeriggio guardano Fede sul 4 e a cena il TG5 di Mimun.
Santoro? Il diavolo!
Altro che Porta a Porta di Vespa!

Ecco, loro internet non ce l'hanno: non possono scegliere, perchè non sanno nemmeno di poterlo fare.

E le parole, lette su internet, si trasformano in parole vere con interlocutori in carne ed ossa, in dibattiti al bar con gli amici o col berlusconiano di turno, che puntualmente si nasconde o se ne và, incapace di reggere una discussione.

PEr questo, non sei inutile. Devi tenere conto, però, che internet è DISORGANIZZATA, non siamo un partito.

L'unica cosa che siamo riusciti a fare, fino ad oggi, è il V-day.... non è poco, come inizio, perciò.. non abbatterti.

L'hai detto tu: siamo in guerra, e bisogna combattere.

Mr Postman ha detto...

tra un po' sarà indagato per pedofilia e sfruttamento sessuale.........cazzo secondo me sta perdendo il controllo..........regalare un collier a una fighetta diciottenne amica di famiglia che lo chiama papi è veramente un roba fuor di misura, se avesse un po' di cervello eviterebbe......è andato in aceto io continuo a godere cmq l'italiano medio è degno di berlusconi, questa è una cosa triste davvero........

Alessio ha detto...

Anch'io non sono d'accordo.
Un blog è una forma di INFORMAZIONE libera.
Un blog da solo non "fa la rivoluzione", ma può contribuire a informare qualche persona. E in Italia penso ce ne sia bisogno.
I "nostri nonni e genitori", quando "volevano cambiare il mondo", utilizzavano anche i mezzi d'informazione. Ogni movimento politico si preoccupava di fondare un giornale, di collegarsi a degli intellettuali. non sto qui a ripetervi la filosofia politica di Gramsci, che conoscete quanto me. Ma se prima c'erano le radio e i giornali, oggi ci sono anche altre due cosette, come la televisione e internet.
Rifiutarle è vivere fuori dal mondo. E' essere conservatori. Eì porsi fuori dalla storia.
Obama in America ha vinto anche grazie a Internet. Con una campagna elettorale tradizionale (manifesti, comizie e qualche apparizione in TV, quando i Vespa ti invitano) non sono sicuro che in pochi mesi da perfetto sconosciuto sarebbe potuto diventare Presidente.

Third Eye ha detto...

A me invece cadono le palle ogni volta che si aspettano aiuti da deus ex machina (cianuro? bah...) o si travisa le realtà (V-day e liste grilliche utili a cosa?), ma è rete anche questa...

Eviterei però di sentirsi tanto elite, oltre tutto il grosso dei websurfer italici vede mail o news sul grande fratello e cazzeggia su FB o siti da rimorchio, eh...

Transito Web ha detto...

Solo oggi ci accorgiamo del tuo blog e condividiamo l'odio verso mastella. Speriamo in un tuo ripensamento..

un bobo ha detto...

La pensavo come te fino a qualche settimana fa, motivo per cui avevo cancellato l'account di facebook da cui gestivo un gruppo per proporre Margherita Hack senatrice a vita. Poi un giorno sono andato ad una mostra sull'olocausto e sul muro accanto alla porta di uscita c'era questa citazione:
"All that is necessary for the triumph of evil is that good men do nothing. Edmun Burke" che tradotta viene più o meno "Perchè il male trionfi è sufficiente che gli uomini giusti non facciano niente".
Per quel poco che serve, meglio continuare che avere il rimorso di non aver agito, nel limite delle proprie possibilità.

Mr Postman ha detto...

non trovo proprio nulla di divino nel cianuro, anzi mi sembra una delle soluzioni più umane in un caso difficile come questo

Anonimo ha detto...

Ciao. Non credo tornerai sui tuoi passi, quindi non cerco di convincerti a farlo, anche perchè un blog dev'essere un'attività spontanea.

Però prendi atto che questo blog ha una sua visibilità. Comprendi che ha conquistato un pubblico e lasciarlo morire sarebbe un po' tradire tutto il sostegno che ti è stato dato e il tempo che molta gente ha speso solo per dirti grazie.

Perchè non utilizzi questa piattaforma per pubblicare pezzi di altri? Potresti anche semplicemente pubblicare volta per volta mail che ritieni interessanti o efficaci. Come soluzione è già utilizzata e non mi sembra brutta. Oppure lascia le chiavi del blog (magari ad interim) a persone di cui ti fidi.

Insomma, lo sappiamo, scrivere sui blog non basta, ma senza i blog dove ci si informerebbe. Non solo: io credo che anche il tuo sia stato un vero conributo a far uscire Mastella dalla politica nazionale (purtroppo non europea).

Come le chiacchiere in piazza non cambiano il paese ma diffondono sapere, così un blog, soprattutto se conosciuto, aiuta a tenere viva una fiamma.

Ora ci saranno le elezioni. Perchè mollare proprio ora? Ok, c'è da scoraggiarsi comunque, ma pretendi che il popolo si sollevi in massa abbattendo il nano?

Fallo per noi, non mandare alla deriva questa barchetta di libertà.
E se questo dev'essere solo un luogo in cui si discutono solo i fatti concreti, ancora meglio!

Ma dovremo fare i conti con piccoli passi, piccoli esempi. Alcune persone che hanno deciso di non pagare il canone, un gruppo di attivisti che sta boicottando ogni prodotto legato alla corruzione,... o qualsiasi altro piccolo gesto. Le grandi rivoluzioni cominciano da qui, soprattutto se i media sono completamente controllati.

Per favore, tieni viva questa fiamma!

Aldo

Third Eye ha detto...

Sottoscrivo aldo e confermo la prima impressione di twitter: fa cagare...

Vogliamo parlare un po' delle puttanate recenti? Ce ne son così tante...

Oh, sempre liberissimo il gestore di far come crede, lo dico a scanso di altrui dubbi...

Anonimo ha detto...

Un piccolo esempio dell'uso sapiente di internet:
Una settimana ad oggi con l'adsl fuori servizio e guardando - molto poco per fortuna - solo la televisione.... sono cascato come una pera sulla faccenda Silvio-Veronica!

Condivido per esperienza diretta l'idea espressa un pò più su, ossia che il maggior uso di internet è per delle cagate ma tutto questo non può mica durare a lungo e appena ci verrà a mancare la ciccia e il GF le cose cambieranno e con internet lo faranno molto rapidamente.....

B

Confidate tutti nella rete!

BENNYRAFT ha detto...

Ribaldo.. ti chiedo un grande favore!
Comngela la tua decisione di chiudere il blog,e almeno nella prossima campagna elettorale per le Europee facciamo un po' di casino contro Mastella,candidato per il PDL.
Poi.. comunque vada.. lascia il blog..
Hai gia' il nome e notorieta'..
Cerca,cerchiamo tutti ,un modo creativo per rompere le scatole a questo simbolo di tutto quello che non vogliamo in politica.
Anche una catena di S. Antonio su internet,qualunque cosa,facciamoci sentire!!!
Mi impegno a cercare di fornirti idee e strategie..
E rivolgo questo invito a tutti quelli che odiano Mastella!!
.
Dalla terra del tuo nick..
BENNYRAFT

un bobo ha detto...

aggiungo che era dai tempi di conigliocattivo che non mi dispiaceva cosi' per la chiusura di un blog.

f.

Rezik ha detto...

Noooo

E' paradossale. Mastella si ricandida (epperfortuna dall'altra parte, e che non cambi mai più) e proprio ora tu chiudi?
Di Pietro raddoppia i consensi grazie sopratutto ad Internet e tu chiudi dicendo che "la rivoluzione non si fa coi blog"?

In altri paesi la politica passa per i blog. Chi si candida e non conosce Internet, come sfacciatamente ammette il premier-dux, non ha futuro.

In un paese come il nostro dove ci si fa per lo più i fatti propri e che non ha memoria (si perchè se dici che La Russa Feltri e Bossi erano accaniti sostenitori del pool di Tonino, che i servizi segreti mettevano le bombe e che Alemanno tirava le molotov nessuno ti crede...) anche una vignetta ironica aiuta eccome.
E' anzi forse l'unico modo per risvegliarci dal torpore telemediatico e pensare.

Tu hai sollevato molti temi che altrimrnti ci sarebbero sfuggiti. E chi ha il tempo di cercare notizie vere in mezzo al ciarpame in primo piano sulle news?

Hai "osato" criticare Beppe Grillo che monologa ma non sa ascoltare. E che per questo finisce a sputtanare i temi invece seri (primo i condannati in Parlamento, secondo gli impicci della finanza e terzo quelli della stampa. su quelli ecologici mi spiace ma non capisce un tubo) di cui a volte si occupa, per correr dietro a una palla che lava e agli abitanti delle Faroer.
Hai richiamato alla nostra attenzione dei bellissimi video di Travaglio (che forse non fa politica diretta ma in questo momento di schiene curve fa un giornaliamo unico).

Se chiudi tu, un pezzo di intelligenza della rete se ne va.
;-(

Ciao

Third Eye ha detto...

Rispetto e quote a manetta per Rezik e Bennyraft che sono stupendo esempio di persona e intelligenza che può raccogliere un blog come questo...

Oltre ad accodarmi agli inviti, suggerisco pure di fare almeno raccolta del subvertising sui manifesti elettorali; un esempio parziale di quelli raccolti da uno dei miei:

http://tinyurl.com/p5bbpj

Ridere aiuta a sciogliere, sciogliere aiuta a liberarsi e ricostruire...

Maurizio. ha detto...

... Ma sei riuscito pure a fargli dare le dimissioni. E' caduto il govern (anche) per causa sua. Non si era neppure ricandidato!
Perchè adesso dici che non serve un blog?

Dove le troviamo "noi" certe notizie?
Quante altre bele chicche ci aspettano in questi giorni: Corona che si candida, Sgarbi che ha bisogno di soldi e va in europa. Casini e l'udc?

Dai che ci servi!

Daniele ha detto...

Ciao DR! Grazie per i momenti di riflessione che mi/ci hai regalato fino ad oggi: se fossi il padreterno scambierei il tuo allontanamento con quello di Emilio Fede, ma siccome ancora non sono onnipotente posso solo augurarti buona fortuna e sperare di rileggerti presto, magari in altra sede....

Bennyraft ha detto...

Riobaldo,permettimi di usare il tuo blog per pubblicare qualcosa sull'oggetto del nostro odio.

Tratto da Zoo Italia-PassaParola di Marco Travaglio.

"Poi c’è Clemente Mastella: di lui sappiamo molte cose naturalmente, ci siamo forse dimenticati un fatto importante, ossia che Mastella è tutt’ora indagato, anzi c’è alle viste una richiesta di rinvio a giudizio nei suoi confronti per la famosa inchiesta di Santa Maria Capua Vetere; c’è una vulgata completamente falsa, in base alla quale De Magistris, con l’inchiesta “ why not?”, indagando Mastella avrebbe fatto cadere il governo: in realtà Mastella fu indagato nell’ottobre del 2007, mentre il governo cadde nel gennaio del 2008, quando Mastella fu indagato per l’altra vicenda, quella di Santa Maria Capua Vetere che, con De Magistris, non c’entra niente, la stessa nella quale furono arrestati la moglie di mastella, messa agli arresti domiciliari e il consuocero di Mastella, l’ingegner Camilleri.
Mastella è rimasto indagato anche quando l’indagine è passata, per competenza, a Napoli e adesso la Procura di Napoli, confermando la bontà delle indagini di Santa Maria Capua Vetere, ha depositato gli atti a beneficio dei difensori che, di solito, è una mossa che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Le indagini sono finite e Mastella dovrà essere, con ogni probabilità, processato per tre episodi di concussione tra riuscita e tentata e alcuni altri reati e, naturalmente, è passato all’incasso, avendo fatto cadere il governo Prodi, Berlusconi non subito l’anno scorso, perché la gente ancora si ricordava che aveva la moglie dentro, ma con un anno di distanza, confidando nella smemoratezza degli italiani la l’ha messo in lista, perché molti italiani pensano che le indagini siano finite nel nulla, mentre invece come abbiamo visto non è vero e quindi facciamo memoria, almeno noi, di questa vicenda che riguarda l’ottimo ex Ministro della Giustizia che ci ha regalato l’indulto e tante altre belle leggi! "

luke ha detto...

Leggo sul corriere che i signori (?) mastella sono appena stati rinviati a giudizio. O giubilo, Diadorim, fossi in te mi pruderebbero le mani, in direzione della tastiera... :)

Third Eye ha detto...

Non funziona bene l'aggiunta del twitter in home, visto che se clicchi molto "avanti" ti dà pacchi di undefined...

Anonimo ha detto...

Comunque grazie!

Diadorim Riobaldo ha detto...

Ciao ragazzi, ho letto con attenzione tutti i vostri commenti e devo dire che mi avete fatto riflettere molto e per questo vi ringrazio. Ora proverò a rispondere in generale un po' a tutti, sperando di non lasciare nessuno a bocca asciutta.

1) Mastella non si è dimesso grazie a questo blog, magari! Mastella se ne è andato perché ha seri guai giudiziari e Berlusconi gli aveva promesso si parargli il culo se avesse fatto in modo di far cadere Prodi. Promessa mantenuta per le Europee.

2)Mastella andrà dritto a Bruxelles e questo blog non ha il minimo potere di impedire tutto questo. Mastella può contare su un clientelismo ed un bacino di voti così grande che gli consentirà sempre di essere eletto in una lista che supera lo sbarramento.

3)Il potere di internet. Ripeto, lo considero molto sopravvalutato. Non dico che in futuro le cose non cambieranno, ma per ora la sua influenza in Italia è pressoché nulla. E l'esempio di Obama secondo me non calza. Obama ha vinto ANCHE grazie ad internet, utilizzato soprattutto per la raccolta di fondi e non tanto per la diffusione del suo programma politico. Inoltre la strategia elettorale dei Repubblicani è stata completa sbagliata e l'immagine di Bush era agli occhi dell'opinione pubblica così screditata da far prevedere facilmente una vittoria dei Democratici. Quindi, ripeto, forse nel lungo periodo la rete cambierà le cose ma, come diceva Keynes, nel lungo periodo saremo tutti morti.

4) Troppo attività in rete la ritengo controproducente. Lo ribadisco, molti di noi si sentono migliori di altri solo perché leggono in rete, commentano blog e forum. Beh, ammetto che dal punto di vista intellettuale e di scambio di opinioni questa attività è molto gratificante, però la vedo sterile dal punto di vista pratico. Diciamoci la verità, neanche il più famoso blogger d'Italia, con tutti i meriti che io stesso gli riconosco è riuscito a scalfire minimamente la corazza lercia del potere. Ma ragazzi, davvero, non siamo riusciti a combinare niente, ma proprio niente! Anche io pensavo che la conoscenza e lo sdegno potesse portare al cambiamento, ma mi sono accorto che mi sbagliavo. Purtroppo l'equazione informazione = miglioramento della condizione politica semplicemente non funziona, proprio perché in questo paese i meccanismi di intervento da parte dell'opinione pubblica sono stati gradualmente disinnescati. Ed internet non credo che sia la panacea che risolve tutti i mali. Insomma, è vero che l'informazione in questo paese è strozzata, però ormai lo hanno capito anche i polli che Berlusconi c'ha i suoi bei scheletri nell'armadio e che il Pd ha la forza politica di un club di bocciofila, eppure la gente continua a votare il Cavaliere e gli iscritti al Pd non smettono di applaudire adoranti i vari D'Alema, Fassino & Co. Senza contare i cerebrolesi che ancora considerano Bossi un genio politico. E la rete finora non è riuscita a cambiare questa situazione.
In sostanza mi chiedo se in cambio di ogni post che tutti noi abbiamo scritto avessimo invece dedicato un'ora della nostra vita per stare in piazza, parlare con gruppi di persone, fatto dibattiti, insomma fatto politica vera, le cose non sarebbero andate un po' meglio.

5) In realtà la rete è molto autoreferenziale. In pratica chi la pensa in un modo segue i siti o i blog che la pensano in quel modo e partecipa ai forum di persone che condividono le stesse idee. E quindi questa grande comunicazione alla fine dei giochi si sviluppa solo a comparti stagni. Spesso si gira a vuoto e non ce se ne accorge neanche.

6)Utopismo. Ecco, nei vari periodi della storia ci sono sempre stati momenti in cui si pensava che un fenomeno politico o sociale nuovo spazzasse via in un sol colpo tutti i problemi della società e della storia. Illuminismo, positivismo, fascismo, comunismo e tanti altri -ismi. Beh, mutatis mutandis mi sembra che lo stesso avvenga con Internet. Si dice: "sì sì, questi fanno le porcate ma tanto i loro giorni sono agli sgoccioli perché la rete li spazzerà via. ". Appunto, come per il ritorno di Cristo ci si adagia ripetendo questo mantra senza poi in realtà fare niente di concreto ed aspettando con ansia il giorno del redde rationem che puntualmente non arriva, agevolando così i porci che stanno in parlamento a continuare ad insozzare la nostra vita civile ed a stuprare la Costituzione.

Andando oltre, dobbiamo capire che i mass media sono un fenomeno complesso e che storicamente al nascere di un nuovo mezzo di comunicazione non si è assistito alla morte dei precedenti ma piuttosto all'integrazione degli stessi. Insomma, quando è nato il cinema si pensava che sarebbero spariti i libri e giornali: falso. Quando è nata la televisione si pensava che sarebbero morti il cinema e la radio: falso (stessa cosa con l'avvento del Vhs). Quando è nato il telefono si pensava che le persone non sarebbero quasi più uscite di casa perché potevano comunicare a distanza: falso. Ed ora che è nato internet tutti a dichiarare la morte della tv, della stampa e di tutti gli altri mezzi di comunicazione: falsissimo. A proposito, mi fanno orrore tutti coloro che si auspicano la fine dei giornali. Un mondo senza giornali non lo posso neanche immaginare. In conclusione, smettiamola di rimanere a braccia conserte o a commentare i siti in attesa della fine dei tempi e della liberazione miracolosa dai ceppi dell'ignoranza e della mala politica grazie all'intervento magico della rete: non succederà.

Avrei altre cose da aggiungere ma ora non mi vengono in mente. Semmai ne parlerò in un secondo momento.

P.s: Io twitter lo vedo bene, sei sicuro Third Eye?

Postman The ha detto...

dioanarchico diadorim il mafioso piduista sta facendo tutto quello che gli passa per la testa e per le palle facendolo negare istantaneamente con un sorriso colmo di ovvietà da una squadra di onorevoli ministri avvocati e bodyguard e qui si continua a tacere????????????
tra poco forse l'italia si affiancherà alla cina per quello che riguarda censure e limitazioni di internet, fino a quel giorno è opportuno usare gli strumenti che sono a disposizione.
da prato a napoli da l'aquila a firenze fantomatici servizi d'ordini e forze armate isolano e allontanano i non berlusconiani dai berlusca's time&place, il regime è servito il silenzio giova a loro
dioanarchico non resta che riprendere la strada del glorioso e impavido kamikaze cristianamente conosciuto come martire per la giusta causa

Anonimo ha detto...

Gioite gente, le truppe Mastellate tornano all'attacco

Ma ci sono anche incredibili ritorni, come Ciriaco De Mita (eletto con l'Udc) e Clemente Mastella (Pdl), che si ritroveranno colleghi sui banchi del Parlamento europeo.
http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/elezioni-in-europa-2/preferenze/preferenze.html

Anonimo ha detto...

per fare un partito unito e per il bene della gente bisognerebbe abbandonare l'egocentrismo di ...io sono un attore...io un opinionista...etc e desiderare veramente il bene comune...bisognerebbe cambiare in prima persona...e questo sarebbe davvero qualcosa di rivoluzionario e duraturo teresa

Postman The ha detto...

CVD IS COMING BACK.
CIò CHE IL NET NON PUò LO PUò IL KLSCHNKV
O FORSE AGLI ITALIANI VA BENE COSì FORSE NON SONO COSì DIFFERENTI DALLE PERSONE CHE VOTANO
NON SENZA TRISTEZZA
POSTMAN

bennyraft ha detto...

Riobaldo.. Napolitano al massimo fara' una piccola critica e chiedera' di modificare un comma o una virgoletta.
E' marcio,secondo me è sotto ricatto o vuole solo e semplicemente stare seduto sulla poltrona in santa pace.

Camilla ha detto...

Grillo, Travaglio e Luttazzi intellettuali?
Beh...siamo alla frutta allora.

Diadorim Riobaldo ha detto...

Camilla, alla frutta qui c'é solo il tuo livello di comprensione della lingua italiana. Forse non ti hanno spiegato in terza elementare che la congiunzione semplice e (o ed) indica l'aggiunta di un concetto ad un altro in generale. Quindi quando scrivo "Beppe Grillo, Luttazzi ed i migliori intellettuali di questo paese" non sto qualificando i suddetti soggetti come intellettuali.

Ma perché perdo tempo con questa gente?

Terminus86 ha detto...

Peccato. E' pur vero che una rivoluzione non la si fa con facebook e youtube. Però magari con questi mezzi poco a poco riusciamo a cambiare la mentalità della gente. Sonia Alfano è stata eletta per merito della rete. Inoltre, in mancanza di una "rivoluzione" una voce di dissenso in più è sempre meglio di una voce di dissenso in meno.

Third Eye ha detto...

http://tinyurl.com/kr8epc <=update ceppalonica, cmq continuo ad avere il bug di cui sopra se metto indietro oltre il primo e Luttazzi è un intellettuale :boh:...

anna ha detto...

Ma lo sai quanti anni ci ha messo Berlusconi a lavare il cervello agli Italiani con tutte le sue televisioni??? Quanti anni per far crescere i giovani con l’idea: se vuoi essere qualcuno devi apparire in televisione altrimenti non sei nessuno???
E tu pensavi che con Internet sarebbe stato tutto più semplice, facile e soprattutto veloce. Pensi veramente che questo partito, come te lo immaginavi, sarebbe stato votato dalle persone che guardano la TV (che sono pur sempre la maggioranza). Che questo partito avrebbe superato lo sbarramento del 4% e se lo avesse superato, qualcosa sarebbe veramente cambiato in un sistema partitico così marcio?
Se le singole persone non sono pronte a cambiare la loro vita non ci sarà nessun altro che la cambierà al loro posto. Se veramente vogliamo cambiare in profondità le cose senza passare da un leader partitico ad un altro il quale decide impropriamente per gli altri (perché a qualcuno farai sempre torto per non parlare del fatto quanto sia semplice ricattare una singola persona per fini mafiosi o altro), allora dobbiamo cambiare insieme, come popolo è non come minoranza insignificante.
La cosiddetta “guerra” per me è di accendere il cervello alle persone che mi circondano.
Pensa che 1 ½ anno fa Grillo non potevo nemmeno nominarlo che le persone mi saltavano a dosso. Ed invece sono arrivata ad accendere il cervello persino ad un Leghista convinto. Le cose sono e stanno cambiando ma ci vuole il suo tempo…

Se lasci questo Blog per problemi di tempo hai tutta la mia comprensione e comunque hai dimostrato di essere una persona di buona volontà e di saper prendere iniziative - GRAZIE.
Capisco anche la frustrazione in momenti bui e deprimenti . . . .(capita anche a me) . . . .

. . . . ma non dimenticare mai, e poi mai . . . . che non sei solo!

Una saluto caloroso
Anna

Anonimo ha detto...

che sfogo velleitario. vaglielo a dire ai ragazzi iraniani che la rivoluzione non si fa con la rete. era meglio che continuavi e ci risparmiavi ste minchiate da poeta.

Diadorim Riobaldo ha detto...

Anonimo, a parte che paragonare la situazione italiana con quella iraniana mi sembra fuori luogo, comunque gli iraniani stanno facendo la rivoluzione nelle piazze rischiando la vita ed affrontando milizie armate, proprio quello che mutatis mutandis io vorrei che succedesse in Italia. Ma non mi venire a dire che la rivoluzione la si fa con Twitter, andiamo! Se fossero rimasti incollati alla tastiera solo "twittando" non si sarebbe scatenato questo putiferio, mi sembra quasi ridicolo dovertelo far notare. Che internet si sia invece dimostrato un ottimo veicolo per evitare la censura, su questo sono d'accordo. Ma ripeto, non basta. Ti ringrazio per le tue dichiarazione riguardo le minchiate da poeta, anche se non capisco dove tu veda poesia in questo blog, magari invece di cazzate ce ne sono a iosa.

Anna, condivido il tuo commento in toto. Comunque ti assicuro che è anche la mancanza di tempo che mi ha fatto rinunciare a continuare il blog. Anche se già ti preannuncio che se dovesse passare l'assurda legge antintercettazioni credo che ricomincerò a postare come forma di disobbedienza civile, magari facendo veicolare materiale che dovrebbe essere censurato ma che già i vari Travaglio ed altri hanno preannunciato di continuare a pubblicare. Vedremo...


Third hai ragione, Luttazzi è un signor intellettuale. E il widget di twitter funziona solo se usi la freccia destra.

Anonimo ha detto...

Io credo che chi si tira indietro in questo modo sia alla fine tal quale ai rivoluzionari con l'iPod. Ti aspettiamo.

Anonimo ha detto...

Potevi chiuderlo incontrando mastella di persona... :)

Third Eye ha detto...

@diadorim, hai visto, restando in tema di sensibilizzazione masse di peones, l'idea della palestra di luttazzi?

DarioG ha detto...

proprio oggi, ti pensiamo tanto.. !

Mr Postman ha detto...

anche se il blog è morto non ce la faccio a non linkare questa:

http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/esteri/europa-parlamento/mastella-lamenta/mastella-lamenta.html

da considerarsi come i fiori e il lumino sulla tomba.......

Anonimo ha detto...

AI PIENAMENTE RAGIONE!!!!
LA GUERAA SI Fà SUL SERIO NON A PAROLE ELETTRONICHE!!!
W LA RIVOLUZIONE ITALIANA CHE SECONDO Mè CONTINUANDO CON QUESTI POLITICI (VEDI MASTELLA CHE OGGI SI è LAMENTATO DELLO STIPENDIO DELL'EURO PARLAMENTO),SCOPPIERà IN BREVE TEMPO, AL MAX 7-10 ANNI.
è NON SOLO IL CAPO APPENDEREMO DI TESTA IN GIù A PIAZZALE LORETO, MA TUTTI DICO TUTTI I POLITICI ITALIANI è ANCHE CHI è AL VERTICE DEI COMANDI SIA MILITARI CHE DELLE FORZE DELL'ORDINE, CHE PER ESPERIENZA NELLA MIA ZONA, LA GUARDIA DI FINANZA DI TARANTO PRENDE I SOLDI DAI SPACCIATORI DEL RIONE TAMBURI. CHE SCHIFO RAGAZZI.

Third Eye ha detto...

Di mastella non perdetevi il resto, riepilogo qualcosa anche da me:

http://tinyurl.com/kt8kj9

Anonimo ha detto...

Scusami, ma come fai a essere sfiduciato? Se Clem Clem ce l'avesse fatta da solo a diventare europarlamentare non farebbe una grinza il tuo discorso. Sappiamo invece che è riuscito a farsi riesumare politicamente grazie all'aiuto di Papi. Deciditi a riaprire il blog quindi che ce n'è bisogno!

IL PRIMO PARTITO DELLA STORIA CHE SUONA COME UN RUTTO: UDEUR !!!

IL PRIMO PARTITO DELLA STORIA CHE SUONA COME UN RUTTO: UDEUR !!!

ATTENZIONE: SOGGETTO PERICOLOSO !

ATTENZIONE: SOGGETTO PERICOLOSO !
eXTReMe Tracker