giovedì 19 giugno 2008

Dal profeta Marco


Ultimamente Travaglio non ne sbaglia una. Anzi, non solo non sbaglia ma addirittura prevede il futuro. Un esempio? Scrive Marco il 13 giugno riferendosi a Berlusconi, ai suoi tentativi di bloccare i processi a suo carico e di come tratteranno la vicenda alcune delle più prestigiose firme italiane: "...giornali “indipendenti” e politici “riformisti”, per sembrare indipendenti e riformisti, sostengono che lui magari esagera un po’, “... ma il problema esiste”. E poi non si può mica compromettere il “dialogo sulle riforme ” (c’è sempre un “dialogo sulle riforme”, chissà poi quali) col “muro contro muro." Continua Travaglio: “Tutto è bene quel che finisce bene”, titola Pigi Battista sul Corriere, mentre Ostellino, Panebianco e Galli della Loggia criticano l’eccessiva cedevolezza del Pdl al partito giustizialista". Orbene, perché adesso non vi leggete questo articolo di Panebianco del 17 giugno? Incredibile, vero? E Pierluigi Battista dove lo mettiamo? Eccolo qua, sentite cosa scrive il buon Pierluigi il giorno dopo, sempre sul Corriere, (tra parentesi ci sono le rettifiche di Travaglio): "... “quale disegno criminoso è venuto alla luce dai brogliacci delle conversazioni private di Deborah Bergamini?” (ma l’ex dirigente Rai non parlava dei fatti suoi, parlava dei fatti nostri, pubblici: come nascondere sulle reti Rai la sconfitta elettorale di Berlusconi alle regionali del 2005); e “qual è la nefandezza penale commessa dal premier Berlusconi (che non era premier, ndr) che al telefono intercettato (non era lui l’intercettato, era Saccà, ndr) sollecitava il direttore generale della Rai (non era direttore generale, ma direttore di Raifiction, ndr) a inserire nel casting alcune attrici (non erano attrici, ma amiche sue e di un senatore dell’Unione, ndr)?”.

Avevo visto gente indovinare i risultati di sette partite consecutive, conosco persone che ti sanno prevedere le condizioni del tempo di domani senza sbagliare mai, ma qualcuno che mi sapesse prevedere con giorni di anticipo gli editoriali del Corriere mi mancava proprio. Ormai è ufficiale: Travaglio è un profeta!

3 commenti:

Mark ha detto...

Grande articolo.
Grande Marco.
Grande mestizia.

ur_ca ha detto...

Di profesti la sinistra ne ha avuto uno solo, il grand Karl Marx, e ha sbagliato. Figuriamoci gli atri...

Third Eye ha detto...

Karl Marx è stato preso come profeta da chi voleva un'ideologia che fosse religione per le masse...

Non mi risulta lui si sia mai posto come messiah...

IL PRIMO PARTITO DELLA STORIA CHE SUONA COME UN RUTTO: UDEUR !!!

IL PRIMO PARTITO DELLA STORIA CHE SUONA COME UN RUTTO: UDEUR !!!

ATTENZIONE: SOGGETTO PERICOLOSO !

ATTENZIONE: SOGGETTO PERICOLOSO !
eXTReMe Tracker